Parole a mente

Tenete in mente queste parole

Luca 9:44,45

Bene. Quante volte Gesù ci chiede di comprendere bene (1 Pie 1:10-12). Molti profeti vollero vedere le circostanze relative alla vita di Gesù, vivere l’epoca della grazia per esperienza diretta.

In mente. Porre mente, cose a volte difficili, a volte future.

Parole di Gesù. Vi sono profezie pronunciate in passato che si sono realizzate, altre si realizzeranno.

I. Gesù toglie il mistero “Non capivano”

A. Consegnato

I discepoli non capivano perché temevano il tradimento di uno di loro. Avevano difficoltà ad accettare quel messaggio. Non capivano nemmeno il piano di Dio secondo il quale Gesù sarebbe stato dato, consegnato, per essere crocifisso (Romani 8:32).

B. Nelle mani

Pilato lo lascia nelle mani e alla volontà del popolo (Luca 23:25). 

C. Ma Gesù risusciterà

Allora capirono. Quando sperimentarono la nuova nascita, la presenza diretta di Gesù nella loro vita. Gesù stesso si presenta loro e spiega le cose che lo riguardano (Luca 24:32).

II. Gesù toglie il velo

A. Per loro erano parole velate

I discepoli erano addirittura molto rattristati da quelle parole (vedi nel Vangelo di Matteo). A volte le parole di Gesù ci rattristano perché stanno curando qualche nostra ferita, “disinfettando” e facendo del bene (2 Corinzi 7:9,10).

B. Il velo è stato tolto

Possiamo accostarci a viso scoperto (2 Corinzi 3:12 e 4:6).

III. Gesù toglie il timore

A. Timore di domandare

Parole a loro incomprensibili: “Forse ci dirà che ci lascerà e non potremo seguirlo”.

B. Ora possiamo accostarci

Siamo passati dalla morte alla vita per la potenza della resurrezione.

  1. Abilitati legalmente (Romani 4:25). Gesù dato, consegnato (Isaia 53:12). Lo ha “dato” il Padre ma si è “dato” anche il Figlio volontariamente.

Per, in conto, a causa” delle nostre offese: vale a dire dei nostri passi falsi; risuscitato per la nostra giustificazione che si basa sulla potenza della Sua vita.

  1. Accolti spiritualmente (Giovanni 5:24). Questo riferimento indica la conversione; solo in un altro testo si usa la stessa frase: “passare dalla morte alla vita”, nel senso di comunione (1 Giovanni 3:14,15).
  2. Ammessi per ogni esigenza del momento (Ebrei 4:16). Piena fiducia perché Gesù vive. Possiamo accostarci al trono dell’Altissimo, del Santo, dell’Onnipotente, perché Egli è diventato il nostro “Padre”.

Gissi, 20 febbraio 2014

Simone Caporaletti

Commenti chiusi