Salmo 23 – Verso 5 – Seconda parte

SALMO 23

1 Il Signore è il mio pastore: nulla mi manca.

2 Egli mi fa riposare in verdeggianti pascoli,
mi guida lungo le acque calme.

3 Egli mi ristora l’anima,
mi conduce per sentieri di giustizia, per amore del suo nome.

4 Quand’anche camminassi nella valle dell’ombra della morte, io non temerei alcun male,
perché tu sei con me;
il tuo bastone e la tua verga mi danno sicurezza.

5 Per me tu imbandisci la tavola, sotto gli occhi dei miei nemici; cospargi di olio il mio capo; la mia coppa trabocca. 

6 Certo, beni e bontà m’accompagneranno
tutti i giorni della mia vita; e io abiterò nella casa del Signore
per lunghi giorni.

L’OLIO DELL’UNZIONE

“cospargi di olio il mio capo; la mia coppa trabocca” (v. 5)

L’olio veniva utilizzato per moltissimi impieghi: in cucina, nella cosmesi, nella sepoltura.

  1. Su chi era versato l’olio
  1. Sull’ospite

Come gesto di cortesia (Luca 7:46). Questa cortesia non si verificò in casa di Simone, il fariseo. Invece, in casa di Marta e Maria essa si unì alla fede.

Gesù difende chi unge il Suo capo, apparecchia la tavola davanti a lui. Ma quando ci affanniamo per preparare troppe cose materiali, riporta la nostra attenzione alla sua Parola (Luca 10:38-42).

  1. Sul malato 

A quei tempi, l’olio era largamente usato in medicina  per curare piaghe e ferite (Isaia 1:6;

Luca 10:34).

Nel Nuovo Testamento l’unzione dell’olio sul malato era un metodo di guarigione. L’olio era solo un segno, non serviva a guarire. (Giacomo 5:14-16).

  1. Sul consacrato (per rivestire un ufficio)
  • Sacerdote
  • Profeta
  • Re
  1. Sull’ex lebbroso (per la sua purificazione)

Quando il lebbroso era guarito veniva unto d’olio (Levitico 14:17-18).

II. Da chi è versato l’olio: tu ungi, cospargi, di olio il mio capo”

  1. Dal Signore

È molto interessante scoprire che la poesia cede il posto all’esperienza spirituale: Davide comincia parlando di Dio nominandolo in terza persona singolare (Egli) ma conclude il Salmo parlando di Dio in seconda persona singolare (Tu). Quindi inizialmente parla di Dio e alla fine parla con Dio!

B. Tutta l’attenzione è su colui che versa l’olio

Mentre guardiamo a lui (Isaia 52:15 nella Versione Diodati):

  1. siamo pronti a rialzarci (Isaia 10:27 nella Versione Diodati);
  2. siamo pronti per la battaglia (Isaia 21:5). Qualunque battaglia ci troveremo a combattere;
  3. siamo pronti per incontrare lo Sposo (Rut 3:3): Gesù è lo Sposo celeste, l’Unto, il Messia.

III. Quando l’olio è versato: “la mia coppa trabocca”

  1. Quali effetti vi sono

Sono consacrato per un ufficio bellissimo (Salmo 133; 1 Pietro 2:5). Ciò che il Signore mi affida sono abilitato a compierlo perché Egli mi unge con l’olio, mi prepara per ciò che mi chiama a svolgere. Talvolta c’è l’idea che servire il Signore voglia dire svolgere incarichi non gravosi e evidenti agli occhi di tutti. In realtà, il Signore può chiamarci a servirLo in maniera invisibile agli occhi degli altri ma visibile ai Suoi, questa fedeltà sarà premiata con una grande ricompensa nel cielo. A volte il servizio è impegnativo, ma tale fatica non è vana nel Signore! Egli vede ogni nostro sforzo e impegno e continua a versare su noi l’olio dell’unzione per poter svolgere con le Sue forze e capacità il nostro servizio alla Sua gloria.

  1. L’unzione mi guida personalmente 

Tale guida individuale sarà accompagnata dall’istruzione biblica nella chiesa, dalla meditazione personale della Parola, dalla preghiera personale, dalla crescita spirituale della propria vita cristiana. L’olio dell’unzione ci guida personalmente a dimorare in Cristo (1 Giovanni 2:27).

  1. La pienezza dello Spirito Santo

La pienezza dello Spirito Santo mi fa ben comprendere ciò che il Signore vuole da me, la Sua volontà per la mia vita, perciò devo preoccuparmi di essere sempre ripieno dello Spirito (Efesini 5:17,18). Grazie a Dio per il battesimo nello Spirito Santo ma devo coltivare una quotidiana comunione col Signore per essere sempre ripieno del Suo Spirito (sperimentare Atti 2 ma perseverare in Atti 4). Potrò anche io affermare: “la mia coppa trabocca”!

  Quanto è importante non vedere mai mancare l’olio nella nostra vita spirituale: avremo una vita piena e traboccante delle ricchezze di Cristo, se lasceremo che Egli riversi continuamente il Suo olio su noi!

Simone Caporaletti

Commenti chiusi